Categorie Libri per bambini

Quando avevo paura del buio

Pubblicato il
Quando avevo paura del buio

Come abbiamo già detto in altre occasioni, siamo convinte che l’esempio dei genitori sia educativo e di fondamentale importanza per i nostri figli. Oggi, grazie a questo grazioso albo illustrato edito da Babalibri, parliamo delle paure, in particolare della paura del buio.

Nonostante il grado di coraggio vari da persona a persona, è anche vero che l’audacia può essere potenziata. Non è necessario diventare dei super eroi, ma noi adulti possiamo sforzarci di superare le nostre paure a piccoli passi e così come lo facciamo noi, i piccoli passi possiamo farli fare anche ai nostri bimbi. Farli dormire da soli è a volte un difficile ma importante traguardo da raggiungere. Porte aperte e luci sempre più piccole possono essere un escamotage. Anche la famosa “coperta di Linus”, un pupazzo, un pentolino o un piccolo oggetto magico possono essere di aiuto.

Il titolo di questo breve racconto infonde positività, perché già trasmette il superamento del timore dell’oscurità. “Quando avevo…” come vedete il tempo del verbo avere è un imperfetto, riguarda quindi il passato.

Che cosa racconta “Quando avevo paura del buio”?

La giornata è finita, è ora di andare a letto, ma Roberto non vuole, sa già cosa lo aspetta… Di sopra è tutto buio e ci sono dei mostri nascosti. La madre tenta di rassicurarlo lasciandogli la porta socchiusa e la luce del corridoio accesa. Non serve a niente, i mostri verranno lo stesso ma Roberto troverà il coraggio per sconfiggere la sua paura…

“… E pfff! Niente più mostri. Saranno scomparsi.”

L’autrice per noi è geniale perché, come già visto in “Che rabbia!”, riesce grazie ad una storia breve e semplice a far sì che ogni bambino si immedesimi facilmente nel personaggio di Roberto. 

Inoltre, cosa per noi di fondamentale importanza, non nega l’esistenza dei mostri (per Roberto i mostri esistono veramente!), ma suggerisce il modo per affrontarla. I bambini, in questo modo, si sentiranno compresi e in grado di gestire le proprie emozioni.

Un altro aspetto importante è che l’adulto, in questo caso la mamma, non interviene. Roberto trova da solo un espediente per combattere la sua paura, facendo un piccolo passo e dimostrando il suo coraggio.

Nonostante sia angosciato, affronta la paura. E’ proprio così che questa si sconfigge: con un movimento, un’azione!

Complimenti Roberto! Hai fatto tutto da solo…

Testo e illustrazioni: Mireille d’Allancé
Editore: Babalibri

Potete acquistare “Quando avevo paura del buio” su ibs.it

Rispondi