Categorie Libri per bambini

Dove nasce l’amore

Pubblicato il
Dove nasce l’amore

L’albo illustrato “Dove nasce l’amore” ci colpisce per le immagini, meravigliose. Sonia Maria Luce Possentini non ci delude mai… nulla da aggiungere ❤️

Ci siamo chieste…

Dove e quando nasce un amore di una madre per un figlio?
Nasce nel cuore della mamma ancor prima che il bimbo possa essere concepito, partorito, adottato.

Dove e quando nasce un amore di un figlio per una madre?
Nasce nel cuore del bimbo prima di essere concepito, partorito, adottato.

Ogni donna possiede un istinto materno innato che la renderà completa solo quando potrà realizzare il suo ruolo materno. Non si parla solo di figli biologici o adottati, ma anche di animali domestici, di altri bambini se si è insegnanti o educatori, dei propri nipoti o piccoli amici. Ogni figura femminile non perde occasione per sentirsi madre e completare questo innato e naturale compito.

La stessa cosa vale per un figlio. Egli ha il diritto di avere una madre, non importa se biologica o no. E’ assolutamente ovvio e naturale per lui avere la certezza che arriverà un giorno ad abbracciarlo e a prendersene cura.

Nonostante il racconto preveda un lieto fine in cui madre e figlio saranno finalmente insieme, è come se lasciasse dentro il lettore un filo di tristezza e nostalgia. Il racconto parla di adozioni, ma lascia intendere, a nostro parere anche altro.

Scopriamolo insieme…

Attesa di un bimbo di conoscere la propria madre adottiva.
Il bambino lascia libero sfogo alla fantasia e guardando attraverso la sua finestra immagina che la madre adottiva arriverà dal mare, sopra un’onda gigante, o sulle ali di un gabbiano viaggiante. Un’unica certezza: la mamma arriverà, in un modo o nell’altro. Non è la cosa più naturale del mondo per un essere umano avere una madre? Poco importa se sia biologica o meno. “Arriverai da lì, mamma?”, “Ti porterà la notte o la luce del mattino?”, “Ma arriverai, lo so, mamma”.

Una fede inconfutabile: esiste una madre da qualche parte nel mondo che è mia e siamo destinati a stare insieme, per sempre.

“Dalla mia stanza vedo te, mamma”.
E non esiste niente altro al mondo se non te e me.

Attesa della madre di conoscere il proprio figlio adottivo.
La futura madre dall’altra parte del mondo sta aspettando di dare un volto e un corpo, un cuore e un’anima, al figlio che adotterà. Anche la madre guarda attraverso la sua finestra e pensa che la luna che splende nel cielo sia la stessa che il bimbo sta guardando.

Attesa del figlio di venire alla luce e conoscere la propria madre biologica.
Il racconto lascia intendere, a nostro parere, anche una gestazione del feto all’interno della pancia della mamma. “Dalla mia stanza si vede il mare”: il mare potrebbe simboleggiare il liquido amniotico in cui galleggia il feto. Il feto non vede l’ora d’incontrare sua madre e immagina i diversi modi in cui la stessa apparirà: venendo dal mare, sopra un’onda gigante, o sulle ali di un gabbiano viaggiante.

Anche in questo caso, un’unica certezza: la mamma arriverà, in un modo o nell’altro.

Attesa della madre di portare alla luce il figlio e conoscerlo.
La futura madre dall’altra parte del mondo (mondo al di fuori dell’utero materno) sta aspettando di dare un volto e un corpo, un cuore e un’anima, al figlio che nascerà. La madre guarda attraverso la sua finestra e pensa che la luna che splende nel cielo sia la stessa che il bimbo magari già sogna o immagina, e che comunque guarderà, dopo la sua venuta al mondo.

1 commento

  1. Sarebbe bello che tutti i bimbi del mondo, guidati da un filo trovassero l’amore di una madre (o di un padre).
    Perché ci sia questa simbiosi si deve essere “capaci di amare”. Non importa se la madre sia biologica o no, il figlio “sa” se è amato veramente. Si accorge se non è accettato fino in fondo è da lì nasce la possibilità o meno di dialogo e di amore reciproco.
    Madri biologiche sono arrivate a far del male al figlio e “madri incontrate casualmente” hanno dato forma a splendidi rapporti d’amore… Bisogna essere capaci di amare senza porre condizioni: solo per amore, ma non è facile.

Rispondi